20.1.09

Come un albero



Uffffffffff fa il vento, o l'invisibile persona seduta sulla panchina?


Il mio gelso, il mio moro è spoglio. E per questo lassù sulla piccola cima-quasi-tempestosa, ne puoi contare i rami, gli affluenti, i discorsi che partono e si triplicano decuplicano per poi dimenticarsi come son arrivati fin lì.

E' tenero, è nudo, è inverno. Si staglia contro il cielo, anzi con il cielo. 

E non lo posso che amare perché mi accompagna sempre, in tutte le mie stagioni, e sta lì a cullarmi l'animo quando parto per la mia passeggiata ventosa, io & me, me & io.





I rami mi parlano dall'alto, dalla strada e dalla loro ombra. 
Sono il mio specchio, con quell'ultima foglia attaccata, l'ultima parola non detta, un pensiero trattenuto. 
"Perché no, me lo tengo, no, non lo lascio cadere, e se poi si si fa male? e se poi resto senza?"

Dai albero, lasciala cadere quella parola, la raccoglierò io per te, la serberò cara nella mia mano, like a love restrained
Io, io ti capisco!






17 commenti:

Rossana ha detto...

Uffff lo dice la persona trasparente.
Quella che si lamenta per tutto, ma non cambia nulla di ciò che non le va.

nina, ci pensi che tra poco è primavera?
E al posto di quei rami spogli ci saranno le gemme?

Fastidiosa ha detto...

Da una foglia caduta, rinascerà una nuova gemma e quella foglia posata a terra arricchirà il terreno...

Una parola che lascia noi sarà accolta da un'altro, che speriamo sempre la custodisca proprio come fai tu.
L.

papavero di campo ha detto...

cara francesca,
come un albero è il primo rigo di un mio haiku cui sono affezionata,

come un albero
fibra in oscillazione
il vento anelo

(haiku del 20 aprile 2001)

anche le foglie mi smuovono pensieri ed emozioni:

Ieri piangevo
per ogni cosa foglia e
muro scrostato.

(haiku del 17 maggio 2001)

Anonimo ha detto...

Ci sono quattro F... ma ne bastavano due.

nina ha detto...

Rossana, aspetto le gemme ma assaporo anche le ultime foglie.
un bacio primuletta

Fastidiosa, custodire e proteggere come la grazia del proprio cuore..

Papavero. il vento anelo anche io. ieri piangevo per ogni cosa e sorrido per ogni cosa. un soffio basta a risuscitarci.

nina ha detto...

N,
o forse sono due F allo specchio.

VerA ha detto...

Ciao Nina, come sempre le tue parole mi fanno assaporare uno spiraglio di serenità e pace... che belle le foglie secche ed i rami spogli, altrettanto le gemme ed i fiori... non saprei cosa scegliere ;)

nina ha detto...

VerA,
che cara che sei. La serenità degli alberi è quella che avvolge me,e le vostre parole di rimando.

un bacio e un petalo in arrivo

evelyne ha detto...

anche io penso che uffff lo faccia l'invisibile persona sulla panchina... lei è stufa, stanca e forse un pochino delusa... il vento avvolge, sconvolge, sussurra e scuote.... e c'è anche chi diceva che urla il vento...

Ciboulette ha detto...

Ufffff...e' il soffio del vento, che risparmio (almeno per ora) quelle tenaci foglie secche....

bello passare di qui, grazie :)

nina ha detto...

evelina cara, dici che la persona è stufa o forse la panchina? il vento anela aggiungerei.

Ciboulette, è il suono del suo desiderio quindi secondo te...
dai dai lascia andare queste foglie secche
mai mai risponde il rametto saldo.

a.o. ha detto...

attenzione alle Bronte: handle with care, reciterebbe un'etichetta. capaci di stanare in noi anche il più recondito, dimenticato, rimosso sentimento romantico.

p.s. c'è stato un momento in cui volevo disperatamente essere Jane Eyre, acquistai un abito vintage che devo ancora avere in qualche armadio: nero, castigatissimo... prima o poi te lo posto, così ti fai quattro risate.

ciao france'
a.o.

nina ha detto...

a.o.,
divertente la castigata severa a.o. , un'aiuola tempestosa insomma :)
ok non Bronterò piu di tanto, brontolerò casomai e solo quando capita. ciao baci aiuolì!

verderame ha detto...

....emozione nel leggere sè stessi riflessi in un albero, ciao Marina

nina ha detto...

sì ..non so come fanno ma loro in un modo o in un altro mi traducono sempre. un bacio verdemarina.., grazie.

evelyne ha detto...

anela...si, anela!
è l'invisibile persona ad essere stanca per me... seduta sulla panchina sospira e si riposa... ma forse questa lettura è veramente troppo biografica!
e il vento fischia...

Caty ha detto...

...alberi e noi stessi riflessi ..;parole che colgono il rumore dell'anima.grazie di averle raccolte per noi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...