3.8.09

Essere un fiore è profonda responsabilità, ancora e sempre.






Ho sistemato la notte stessa il piccolo girasole in mezzo alle pagine di un libro amato, e così spelacchiato sudato e asciugato e vivido annaspante e ribelle, ricorda me ora.
Come se mi stessi togliendo petali e petali per arrivare al centro, per denudare ciò che troppe vesti ha, per ritrovare qualcosa che temo di star perdendo, e lasciando segni - carezze o ferite - senza poter fare altrimenti.

Sta davvero arrivando la bufera di nuovo, qui, ed è agosto, e non è più luglio, e Nina sta prendendo un sopravvento che non riesce a gestire, come nell'occhio di un ciclone che nessuno nessuno vede e attorno tutte le paure che non riesce a domare.
Come se doveva arrivare prima o poi e sapeva benissimo che sarebbe stata impreparata.
Come sempre vorrebbe che qualcuno lo facesse per lei.

Ma essere un fiore, girasole mio, è profonda responsabilità.

Spero che ciò che è giusto e possibile avvenga, ciò che fa male smetta, ciò che è bene si riveli tale. Che nessuno fugga, che niente sfugga, che "come vorrei che capissero" trovasse una fine, che quello che Francesca crede di capire sia realmente tale. Questa volta lo sia davvero.



C'è elettricità nell'aria
e la pioggia arriva, arriverà, e laverà via, arriverà la via.




11 commenti:

papavero di campo ha detto...

Sapienza vera
il cadere in amore
gigante il Cuore.


(haiku del 8 agosto 2001)

KOKORO KARA cioè dal mio cuore

papavero di campo ha detto...

ps al precedente dire:

Sursum corda
cioè
In alto i cuori

Francesca ha detto...

papavero, sursum corda. prima di cadere di piovere.
hai scritto e io ho continuato. sembra un parlare in silenzio un botta e risposta senza pause. fluire continuo, di petali haiku e aria

VerA ha detto...

Mi piace come sempre leggere i tuoi pensieri, suonano combattuti, tumultuosi, passionali... In loro riconosco i miei...

sara ha detto...

...essere un fiore...appassire lentamente tra le braccia della persona amata...vivendo ogni attimo di ogni parola scritta...e non importa se di una vita o di un libro perchè comunque amato e vissuto pagina dopo pagina anch'esso...

Caty ha detto...

...davvero , un piccolo fiore ,..non temere ...seppure sembrano coprirci le ombre e imbrigliare i nostri sogni , quale forza in realtà si svela allorchè il nostro cuore si....

je t'enlace

nina ha detto...

VerA, sara, Caty e tutte

grazie che passate di qui e scorrete sensazioni ed effetti, e impregnate le pagine come tanti profumi diversi e amati.

Jacopo ha detto...

Le bufere arrivano quando meno te lo aspetti, nel bel mezzo di agosto tra sole e piogge infinite... ogni tanto rinfrescano ma non sempre sono bene accette, fortunatamente i fiori rinascono sempre, estate dopo estate, e non c'è bufera che possa fermare la loro bellezza.

papavero di campo ha detto...

ninè fai un salto da me, ho messo i papaveri, guarda come sono belli, vieni dai, i papaveri possono fugare la tua tristezza

Fastidiosa ha detto...

Nina la via arriverà, come arriva la pioggia a volte all'improvviso...


p.s. se passi da me c'è un giochino per te!
L.

nina ha detto...

Jacopo, bentrovato..le bufere arrivano e mostrano nuove vie, ti scombussolano l'animo e lasciano segni di pioggia. li vedi non li vedi. li senti, bagnarti l'animo.

papavero, l'han fatto papavero mio l'han fatto. grazie sibillina

Lidia cara, il tuo gioco mi stuzica, ma sai che per me vale per due, io e nina ci dovremo impegnare :)!
un bacio,
F.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...