15.12.09

Ali di carta




Mi preparo per Roma, per un giorno, e pioverà.


Che la leggerezza si posi sul nostro braccio e ci faccia suonare cantare ballare come dervisci di gioia, di realtà, sempre.



10 commenti:

Artemisia Comina ha detto...

ali di carta! che magnifica idea.

Marilì di GustoShop ha detto...

Marta mi chiede sempre se possiamo comprare un paio d'ali per volare, a 3 anni e mezzo è il suo massimo desiderio !!! Gliele faccio di carta, come no, poi mi butto a traino, però, che di volare ne ho giusto voglia, un po'. Ciao Ninavolante !

simonapinto ha detto...

e ballare e ballare e ballare come ballArini dervisci...sai che ci sono!

Fastidiosa ha detto...

Voglio vederti danzare
come i Dervisches Tourners
che girano sulle spine dorsali
o al suono di cavigliere del Katakali...

bellissime le ali di carta!
L.

Caty ha detto...

volano anche nella pioggia tanto sono lievi , non preoccuparti

papavero di campo ha detto...

ali di carta?
di piume?
d'aria?
di soffio di vento?
ali!
ali per camminare sollevati da terra e per planare a terra e per risollevarsi ancoraancora

bon voyage!

lefrancbuveur ha detto...

un saluto.
Enrico

Francesca ha detto...

Artemisia, per noi non ci sono ali pià belle.

Marilì, bella marta! ciao Marilìsulvento!

simona! esatto! tornata da poco e mi pare di aver ballato camminando per due giorni!

Fasti! tu m'ha capito ;)...

Francesca ha detto...

Caty,
vero, e c'è stato un gran sole di quell'aria "tersa e gelida" come in riva al mare.


papavero,
merci chérie! et ben tornata a me! ogni ala per un preciso dove ti fa volare, qualsiasi siano le sue piume abbia.
ti abbraccio!


le franc buveur,
buonanotte Enrico!

Anonimo ha detto...

Questo post era una predizione. Notte, piuma.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...