19.8.10

Mareviglia


sei tu, eri, sei tu, eri, chi deve venire
(m. sannelli)




Chi ha steso braccia al largo
battendo le pinne dei piedi
gli occhi assorti nel buio del respiro,
chi si è immerso nel fondo di una pupilla
di una cernia intanata
dimenticando l'aria, chi ha legato
all'albero una tela e ha combinato
la rotta e la deriva, chi ha remato
in piedi a legni lunghi: questi sanno
che le acque hanno volti.
E sopra i volti affiorano
burrasche, bonacce, correnti
e il salto dei pesci che sognano il volo.

(Volti - erri de luca)





9 commenti:

Se ha detto...

Tocchi quelle corde lì,
che vibrano su quelle note lì,
che sanno di quel profumo lì.

Erri ha ragione.

Anche io e te sappiamo che le acque hanno volti.

Sempre allineata a te.

SiLviA ha detto...

MAREviglioso questo disegno! Mi piacciono tanto questi nuovi esperimenti di Nina!
a presto! S.
(Io 'cartoninizzerei' anche questo...)

nina ha detto...

Se,
sì, ne abbiamo la prova.
un abbraccio sulla stessa onda.

Silvia,
non mi mareviglia che tu capisca sempre... grazie cara, lo farò. un bacio

unastanzatuttaperte ha detto...

ciao nina,
la poesia di de luca è magica.poi la connessione con il disegno... resto senza parole
un abbraccio

nina ha detto...

francesca cara, grazie a te. un abbraccio

papavero di campo ha detto...

cara francesca son tornata ieri e mi sento tutta squinternata
(ah il salto dei pesci che sognano il volo)
un bacio subito per te

Francesca ha detto...

bentornata papavero, m'è bastato leggerti.

LaGolosastra ha detto...

Sempre MareVigliosamente Incantevole, Ninetta.
Questo luogo è una conchiglia in cui rifugiarsi, con spire in cui perdersi e ritrovarsi, con pareti di luminosa madreperla in cui specchiarsi e comprendere quanto è prezioso questo mondo.

Francesca ha detto...

sì, lo è anche per me.
grazie C.
nina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...